Josh Rowell. Rhizoma | Atipografia, Arzignano (Vicenza)

Atipografia, Arzignano

Atipografia

presenta 

Rhizoma
Mostra personale di Josh Rowell
a cura di Andrea Maffioli

7 ottobre 2023 – 20 gennaio 2024

Atipografia
Piazza Campo Marzio, 26
Arzignano, Vicenza

 

Atipografia presenta Rhizoma, mostra personale dell’artista britannico Josh Rowell (Kent, 1990) a cura di Andrea Maffioli, ospitata da sabato 7 ottobre 2023 a sabato 20 gennaio 2024 negli spazi della galleria ad Arzignano, Vicenza. La mostra, attraverso una serie di installazioni multimediali, dipinti e disegni, approfondisce la connessione simbiotica tra regno naturale e universo digitale, evidenziando gli schemi condivisi, le sinergie e le interdipendenze fra i due mondi.

Rhizoma si propone di esplorare l’intricata relazione tra natura e tecnologia, indagando i parallelismi che esistono tra le reti esistenti in natura e i sistemi di informazione digitale come Internet. Per far emergere queste corrispondenze, la mostra prende forma dal concetto di rizoma: in botanica, il rizoma è una struttura vegetale che cresce sottoterra con un’espansione multidirezionale, dando vita a una vera e propria rete vivente fra le piante. Negli anni Settanta, il termine subì uno slittamento dalla botanica alla semantica, quando venne adottato da Gilles Deleuze e Felix Guattari, teorici postmoderni, per descrivere un modello semantico acentrico e non gerarchico, un processo di esistenza e crescita da opporre ai tradizionali modelli ad albero, imperniati sui concetti di centro e gerarchia. A distanza di alcuni decenni, il rizoma offre una calzante metafora della Rete.

La mostra mira a colmare il divario tra due mondi disparati, il regno naturale e l’universo digitale, svelando i fili nascosti che in realtà li connettono. Gli esseri umani navigano sempre più in un paesaggio connesso digitalmente, per cui diventa fondamentale riflettere sui parallelismi con il regno naturale. Traendo ispirazione dalle reti miceliali presenti nei boschi, che fungono da sistema essenziale di comunicazione e distribuzione dei nutrienti per piante e alberi, la mostra cerca di illuminare le affascinanti somiglianze con i meccanismi della sfera digitale.

Il percorso espositivo mette in stretta comunicazione l’organico e il tecnologico: un’installazione di opere provenienti dalla serie più riconosciuta di Rowell, Painting Language, fonde i codici digitali con le formule matematiche che governano il mondo naturale. Una seconda serie, basata su passeggiate e percorsi che l’artista ha intrapreso nell’ultimo anno, invita a riflettere sui livelli di distrazione a cui siamo sottoposti quando, nel mondo digitale del ventunesimo secolo, cerchiamo di immergerci nella natura. Completano la mostra un muro di disegni e collage e un’installazione immersiva su larga scala, composta da alberi collegati da una rete di informazioni immaginarie.

Josh Rowell, nel corso della sua produzione artistica, si è sempre concentrato sul mondo digitale esplorando i modi in cui la tecnologia sta plasmando la realtà che ci circonda. Al contempo, ha sempre mantenuto al centro del suo lavoro il principio dell’handmade, proprio per enfatizzarne l’utilità in un mondo digitale in rapida evoluzione. Come risultato di anni di ricerche sull’influenza della tecnologia nelle nostre vite, e come risposta alla sua recente decisione di trasferirsi in un ambiente rurale lontano da paesi e città, Rowell sta ora spostando il focus del suo lavoro per accogliere tematiche più ampie e complesse, relative a reti e sistemi, sia naturali che artificiali.

La mostra è stata possibile grazie al supporto tecnico di Digimax e DALCNET.

 

3 Ottobre 2023
Bar Stories on Camera | Galleria Campari, Sesto San Giovanni | Magnum Photos
7 Ottobre 2023
Ri-Scatti. Chiamami col mio nome | PAC Padiglione d’Arte Contemporanea, Milano