#PCMdiaries

#PCMdiaries propone una rilettura delle esposizioni di cui ci siamo occupati, per verificarne l’attualità, coinvolgendo attivamente le persone che quotidianamente arricchiscono con la loro presenza e con il loro lavoro le nostre giornate. Con il progetto #PCMdiaries sui nostri canali Instagram e Facebook proponiamo una raccolta di video-racconti, a comporre un diario virtuale di testimonianze, ricordi e riletture – con gli occhi di oggi – su progetti espositivi già conclusi. Un modo per riflettere sulla capacità dell’arte di raccontarci il mondo in cui viviamo, di mettere in luce l’eredità di pensiero e visione che una mostra o un artista possono portarci e di restare vicini anche da lontano.

Leonardo Merlini su Cesare Viel “Più nessuno da nessuna parte” al PAC Padiglione d’Arte Contemporanea, Milano
“una mostra che mi ha dato la sensazione, in quest’idea di assenza presente, di essere arrivato in un posto in cui io per tutta la vita avevo cercato di arrivare”
***
Luca Beatrice su Helen Frankenthaler “Sea Change: A Decade of Paintings: 1974 – 1983” da Gagosian, Roma
“di quelle mostre che hanno costituito una stagione piuttosto importante e che noi vorremo ricordare anche se passato un po’ di tempo. Helen Frankenthaler, una figura da riscoprire”
***
Manuela de Leonardis su Kiluanji Kia Henda “Something Happened on the Way to Heaven” al Museo MAN, Nuoro
“un giovane artista, ironico, intelligente, con un grande senso dello humor. Kiluanji, che ho intervistato, ci racconta una Sardegna che non è quella stereotipata”
***
Maurizio Francesconi sull’asta di Artcurial all’hotel Ritz di Parigi nel 2018
“tutto quel mondo, per come si era conosciuto fino a quel momento,  che aveva resistito solo all’hotel Ritz, stava scomparendo per sempre”
***
Francesca Amé sull’intervista a Ilaria Bonacossa in occasione di Artissima 2019
“ad Artissima, curata da Ilaria Bonacossa, il largo spazio che la direttrice ha deciso di dare alle artiste donne mi ha permesso di confrontarmi con lei su questo argomento.”
***
Matteo Bergamini su due interviste realizzate al PAC Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano: Anna Maria Maiolino nel 2019 e Teresa Margolles nel 2018
“parlammo a lungo e il personale del PAC mi venne a dire: Matteo, Teresa non ha mai parlato così tanto con nessuno in tutti questi giorni che è stata ospite a Milano”